Loghi pubblicitari famosi: 5 casi in cui il logo ha fatto la differenza

16 Settembre 2021

i

Studiare i casi di loghi pubblicitari famosi è molto importante perché è anche guardando al passato che si può creare l’innovazione. Sapere cosa c’è stato prima di noi è un ottimo modo per non ripetersi, ed essere unici – quando si parla di loghi – è fondamentale. A maggior ragione visto che ancora non esiste attività imprenditoriale la cui strategia di comunicazione non debba partire dalla formulazione del proprio simbolo.

Difatti, questo è il più potente mezzo che abbiamo a nostra disposizione per emergere rispetto alla concorrenza e instaurare un fitto dialogo con i nostri clienti. Nello spazio di pochi pixel devono essere inseriti tutti i valori del brand, la propria storia, le emozioni che vogliamo suscitare. La necessità di immediatezza comunicativa, poi, rende necessario fare della semplicità il proprio mantra. Tutto deve essere reso con linee tanto pulite quanto efficaci. A ben guardare, è proprio in questo che sono riuscite tutte le principali multinazionali del mondo.

Partiamo allora da loro per capire quali sono i requisiti che determinano il successo. Continua a leggere per scoprire:

  • Perché i loghi pubblicitari sono importanti 
  • Quali caratteristiche deve avere un logo pubblicitario 
  • 5 casi eclatanti in cui i loghi aziendali famosi ha fatto la fortuna del brand

Ti sorprenderà scoprire quanto Nike, Google, McDonald’s, Adidas e Amazon abbiano in comune!

Perché i loghi pubblicitari sono importanti

Logo” deriva dell’equivalente greco di parola. Di fatto, i loghi pubblicitari sono il documento di identità di un brand, ovvero ciò che una determinata azienda ha da dire.

Rendere la tua attività unica e riconoscibile attraverso un logo semplice e d’impatto può aiutarti a raggiungere il successo e a posizionarti nella mente del cliente come prima risposta alle sue necessità. In pochissimo spazio devi condensare tutti i tuoi valori più profondi ed esprimere il tuo messaggio: in altre parole, perché la tua azienda è capace di fare la differenza nella vita delle persone.

Ma non solo: l’importanza di un logo risiede anche nel fatto che lo stesso verrà riproposto in tutti gli elementi visivi che usi per la promozione del tuo business. Un’ottima pubblicità risulta vana se il logo non è capace di rimanere impresso nella mente di chi la vede perché sarà come ammirare un quadro anonimo. Pochissimi si ricorderanno di te, ma saranno molti coloro che avranno apprezzato la tua campagna.

Il logo aziendale crea una brand identity forte

Creare una brand identity forte, coerente e professionale passa inevitabilmente dalla realizzazione di un logo pubblicitario unico e riconoscibile. Per riuscirci sono necessari tre elementi:

  1. una ricerca approfondita
  2. grande attenzione ai dettagli
  3. la conoscenza del linguaggio attraverso cui le immagini parlano, anche in maniera inconscia.
Logo aziendale per brand identity forte

Solo in questo modo riuscirai a fare emergere la personalità della tua azienda esaltandone tutte le caratteristiche. Potrai così definire il tono di voce con cui desideri parlare ed evocare le emozioni che vuoi che i tuoi clienti provino quando pensano a te.

Quindi, se volessimo riassumere quanto detto fino ad ora, i loghi pubblicitari sono importanti perché:

  • Danno coerenza alla tua comunicazione
  • Differenziano la tua attività da tutte le altre, concorrendo al suo posizionamento
  • Rendono il tuo prodotto e/o servizio riconoscibile e unico
  • Brandizzano ogni contenuto, rendendo packaging, post sui social e spot in TV di tua proprietà

Quali caratteristiche deve avere un logo pubblicitario

La caratteristica principale di un logo pubblicitario è la sua capacità di emergere. Quando il tuo simbolo è distintivo, ha la capacità di creare un’associazione immediata con la tua azienda. Pensa alla famosissima Apple: pochissimi, oggi, non saprebbero riconoscere un pc del marchio fondato da Steve Jobs. Gran parte del merito va all’ormai celebre mela che mette la firma su ogni prodotto uscito dalla fabbrica della Silicon Valley.

Caratteristiche buon logo pubblicitario

Accanto a questo carattere di unicità, il tuo logo pubblicitario deve anche essere:

  • Semplice – Il rimando al tuo brand deve essere immediato
  • Comunicativo – Con pochi tratti devono emergere tutti i tuoi valori
  • Leggibile – Se ci fai caso, gli esempi più efficaci hanno linee pulite
  • Scalabile – Devi poterlo adattare ad ogni canale di comunicazione e ad ogni dimensione, anche le più piccole
  • Emozionante – Ogni logo trasmette le tue emozioni: professionalità, eleganza, simpatia, divertimento, serietà.

5 casi eclatanti in cui il logo ha fatto la fortuna del brand

Le più importanti multinazionali del mondo hanno un logo pubblicitario inconfondibile. Molto spesso, è stata proprio questa immagine a determinare la fortuna dei brand. Ad esempio, quando sei affamato e hai poco tempo per la pausa pranzo, vedere svettare una M gialla su sfondo verde ti fa immediatamente capire che dove ti trovi è presente un McDonald’s e che lì potrai trovare un determinato tipo di cibo e una specifica esperienza. Ma del logo di questo fast food parleremo più approfonditamente tra poco.

Scorri il carosello, e scopri 5 casi eclatanti in cui il logo è stato fondamentale per il successo di un’azienda!

Il logo della Nike: lo swoosh più conosciuto al mondo

Nonostante il fondatore del brand considerasse l’oggi iconico baffo come banale e scontato, il logo della Nike è uno degli esempi più lampanti di quanto, con semplicità, si possa costruire un impero.

Logo Nike

Lo swoosh altro non è che la trasposizione grafica dell’idea di dinamicità e movimento associata alla dea greca Nike, che dà il nome all’azienda. È stato creato da Carolyn Davidson, una grafica statunitense al tempo ancora impegnata a portare a termine il suo ciclo di studi. Pagata solo 35 dollari, la studentessa diede vita a un logo semplice, riconoscibile e immediato, in grado di trasmettere sensazioni di velocità. Il brand diventava così la risposta a chiunque volesse dedicarsi all’attività fisica e ricercasse i giusti capi per farlo.

Come detto, nonostante le ritrosie dell’amministratore delegato del tempo, Philip Knight, il baffo venne adottato e fu accompagnato dalla scritta Nike. Il riscontro fu talmente potente che, in pochissimo tempo, l’azienda potè togliere anche il proprio nome, considerato ormai superfluo: il solo swoosh era più che sufficiente per riconoscere il brand. La Davidson venne premiata 11 anni dopo il lavoro con alcune azioni dell’azienda al cui successo aveva contribuito in maniera importante.

Il caso Google: quando i colori sono più che sufficienti

Logo Google

Il più importante motore di ricerca del mondo ha rinnovato e rivisto il suo logo ben 7 volte dal 1998 ad oggi. Tuttavia, la sua immediatezza e i colori non sono mai cambiati: anzi, via via sono stati resi sempre più puliti, proprio per sottolineare la facilità con cui gli utenti potevano cercare – e ottenere risposte – su internet.

Nella sua versione classica, il simbolo di Google è strutturato attorno a 4 tonalità:

  • il blu
  • il rosso
  • il giallo
  • e il verde.

L’ideatore è stato Ruth Kedar e la sua creazione ha avuto talmente tanto successo che oggi chi naviga su internet associa il brand anche solo ai colori, senza la presenza della scritta. Difatti, l’azienda americana è stata in grado di dar vita a un nuovo concetto: il meta-logo. Tutti gli strumenti di proprietà di Google vedono la riproposizione di un simbolo le cui forme possono variare, ma i cui i colori rimangono sempre inalterati. Nonostante questo, nessuno di essi perde la propria riconoscibilità.

Ma il motore di ricerca statunitense non si è voluto fermare qui: oggi diventato famoso anche per la sua versatilità, tanto che c’è chi non vede l’ora di cercare qualcosa su internet per vedere che novità ci sono. Ad esempio:

  • in occasione di eventi drammatici che colpiscono il mondo, il logo perde i colori in segno di lutto e vicinanza ai parenti delle vittime
  • per altre ricorrenze, invece, vengono creati dei doodle animati ad hoc: per citarne alcune, questo succede a Natale, ad Halloween, il primo giorno di primavera o alla partita d’esordio di Europei e Mondiali di Calcio e Olimpiadi.

Logo Mc Donald’s: semplificazione dagli anni ‘60

L’enorme M formata da due archi dorati di McDonald’s affonda le sue radici ben prima degli anni ‘60. Infatti, nella sua versione iniziale il logo aziendale della catena di fast food citava per intero la dicitura “McDonald’s Famous Barbecue”: una soluzione decisamente troppo complessa per due fratelli che puntavano a conquistare il mondo con un nuovo modello di ristorazione.

Logo McDonald's

I due archi sono arrivati solo nel 1961 e per riprodurre, semplificandola, la vecchia struttura dei ristoranti del brand. Da lì in poi, i grafici dell’hamburgeria più famosa del mondo hanno intrapreso la via della semplificazione, dapprima eliminando il nome e sostituendolo con l’iconico slogan I’m lovin’ it; poi lasciando solo la lettera iniziale M con l’aggiunta di colori e messaggi divenuti importanti nel sistema valoriale dell’azienda.

L’ultima modifica è del 2007 e riguarda lo sfondo verde, a sottolineare come – dopo un discutibile passato – anche McDonald’s abbia iniziato ad impegnarsi in un percorso di sviluppo sostenibile e di salvaguardia della salute dei tanti clienti che ogni giorno affollano i suoi locali.

Logo McDonald's

Adidas: un logo pubblicitario per gli sportivi

Adidas è un produttore di abbigliamento tecnico sportivo di origine tedesca e la storia del suo logo è molto interessante. Il nome deriva dal suo fondatore: difatti, Adolf – anche detto AdiDassler aveva cominciato a creare scarpe sportive alla fine del primo conflitto mondiale. Solo in occasione dei Giochi Olimpici del 1936 il brand ottenne un successo planetario grazie alla fortunata sponsorizzazione dell’atleta Jesse Owens.

Inizialmente, il logo era un trifoglio stilizzato e così è rimasto fino a metà degli anni Novanta. Le tre bande con cui tutti noi oggi lo conosciamo arrivarono solo nel 1996. Poste in dimensione crescente, simboleggiano gli obiettivi, le sfide, le competizioni della vita di ognuno di noi. In altre parole: la lunga e difficile strada che porta alla vittoria e che Adidas vuole aiutarci a percorrere.

Anche in questo caso, il percorso creativo del logo finale è durato diversi decenni. Tuttavia, la semplificazione ha guidato ogni cambiamento e oggi il risultato è un simbolo chiaro, comunicativo, unico e scalabile. Insomma: un vero punto di riferimento a cui chiunque voglia iniziare a fare impresa dovrebbe guardare.

Ai giorni nostri: il logo di Amazon e i suoi tanti messaggi

I casi di successo non si trovano solo nel passato. Amazon, ad esempio, è uno dei più grandi esempi recenti di quanto, ancora oggi, costruire un buon logo sia indispensabile.

Logo Amazon

Nata negli anni ‘90, all’inizio Amazon era solo una grande libreria. Nel corso del tempo si è evoluta, trasformandosi in un colosso in grado di vendere praticamente qualsiasi tipo di bene. Ai giorni nostri è uno dei più importanti e-commerce a livello mondiale e il suo logo esprime in un solo sguardo la sua offerta.

È composto da una semplice scritta amazon bianca su fondo nero. L’unico elemento visivo è poi una freccia gialla che collega la lettera A alla lettera Z. Un modo chiaro ed efficace di comunicare che l’azienda è in grado di far arrivare a casa tua qualsiasi cosa tu stia cercando. Qualunque prodotto, dalla A alla Z, appunto.

Ma non è finita qui: questo logo è anche emozionante. Difatti, la forma della freccia ricorda un sorriso, a indicare il piacere e la felicità di ricevere un pacco contenente ciò che fino a quel momento avevi desiderato. Ancora una volta: comunicativo, riconoscibile e leggibile. In altre parole: perfetto.

Sviluppo di loghi pubblicitari: crea il tuo simbolo con Isola

A questo punto non dovresti avere più dubbi: un logo costruito bene fa la differenza. Ogni attività imprenditoriale dovrebbe partire proprio dal suo simbolo per creare un’immagine coerente che sappia comunicare con i clienti. Si tratta di un gioco di linee, forme, colori e parole che non può essere lasciato al caso, ma che necessita di competenza, studio, strategia e intuizione.

Isola mette a tua disposizione il servizio di realizzazione loghi per iniziare a costruire una comunicazione coerente e omnicanale. Dopo aver ascoltato il tuo progetto, i tuoi valori e aver compreso a fondo la tua storia, lo studio grafico della nostra agenzia di comunicazione elaborerà il logotipo perfetto per permetterti di distinguerti e affermarti nel tuo mercato di riferimento.

Sviluppo loghi pubblicitari

Richiedi adesso un preventivo gratuito: il nostro Team è qui per te!

Articoli correlati

Cosa vuol dire e come fare branding

Se hai un’attività commerciale e vuoi portarla ai massimi livelli, fare branding è un’azione da non sottovalutare. Infatti, tale processo consiste nel creare un nome e un’immagine unici per la tua azienda, in modo che i consumatori si ricordino sempre di te. In altre parole, fare branding vuol dire trasformare la tua attività imprenditoriale in un marchio riconoscibile.

Scrivere contenuti per il web empatici: una miniguida per scoprire come fare

Tante volte avrai trovato consigli su come scrivere contenuti per il web empatici, accattivanti ed efficaci. Tuttavia, quello che ci piace evidenziare in questa miniguida è la forza persuasiva dell’empatia. Scopri come fare centro cambiando prospettiva e creando una connessione umana, anche sul web.

Sfoglia le categorie di blog

strategie di marketing

web marketing

~

sicurezza informatica

j

copywriting

formazione

w

social

Continua a navigare.