Come realizzare una brochure efficace: la carta stampata può ancora fare la differenza?

16 Novembre 2021

i

Sì: la carta ha ancora un suo perché e alcuni strumenti di promozione non possono fare a meno di tale supporto. La brochure aziendale è uno di questi.
Sai come realizzare una brochure destinata a durare? Ovvero, conosci le caratteristiche che deve avere per essere letta e conservata dal destinatario?
Scopri nel nostro articolo come veicolare informazioni su prodotti e servizi in modo utile e interessante.

Come realizzare una brochure: progettazione

La prima fase della realizzazione di una brochure aziendale è la progettazione. Studia quali elementi vuoi inserire e quale messaggio desideri veicolare, poi nel prossimo capitolo vedremo come farlo in pratica. Il tuo piano di azione dovrebbe prendere in esame i seguenti aspetti:

  • Scopo: identifica gli obiettivi di marketing/comunicazione che vuoi perseguire attraverso la stampa della tua brochure aziendale. Come viene distribuita? A quale segmento del tuo mercato di riferimento si rivolge? Quali benefici speri di trarne? Rispondere a queste domande, renderà più facile la realizzazione pratica e ti permetterà di aumentare l’efficienza della tua strategia.
  • Logo: è il tuo marchio di fabbrica. Se non ne hai uno potrebbe essere arrivato il momento di crearlo. N.B. Presta attenzione alla risoluzione più adatta per la stampa. Per approfondire, leggi: Loghi pubblicitari famosi: 5 casi in cui il logo ha fatto la differenza.
  • Immagini: seleziona alcune immagini dei tuoi prodotti, oppure foto che descrivano in maniera calzante la tua attività.
  • Testo: usa le parole giuste, in giusta quantità, per veicolare il tuo messaggio. Nella parte di copy sono compresi il “Chi siamo”, le informazioni sul prodotto/servizio, i dettagli di contatto (indirizzo, numeri di telefono, orari di reperibilità, account social ufficiali, sito aziendale e simili).
Come realizzare una brochure efficace

Crea la tua brochure: come fare in pratica

Il piano è fatto, non resta che passare all’azione. Qui di seguito troverai nel dettaglio tutte le varie parti di cui si compone una brochure aziendale. Ciascuna dovrà essere analizzata singolarmente e armonizzata nel complesso.

Formato

Scegliere la piega giusta per la brochure è un passaggio fondamentale, perché dalla piegatura dipendono la disposizione di foto e testo. Oltre al formato doppio, con la piega a metà documento (per il lungo o per il largo), ci sono i pieghevoli a 3 o 4 ante con la piega a finestra, a portafoglio, oppure a fisarmonica. In base alla finalità d’uso, alcune piegature sono più efficaci di altre.
Consiglio: per visualizzare il formato e il layout, prendi un pezzo di carta e piegalo secondo quella che è la tua preferenza, poi crea finestre per testo e immagini in modo tale da avere un modello davanti agli occhi.

Design

La scelta del design, ovvero la combinazione di immagini, testo e logo, può risultare destabilizzante, perché le possibilità sono pressoché infinite. Per non farsi prendere la mano, non resta che seguire una regola semplice e basilare: tutto l’insieme deve risultare comprensibile.
Consiglio: chiedi al nostro studio grafico quali sono le migliori tecniche per conciliare la fruibilità con l’effetto Wow!

Foto

Per attirare l’occhio non c’è nulla di meglio di una bella foto. Ma se la foto è sfocata, già vista, impersonale otterrai l’effetto contrario e la brochure ne risulterà irrimediabilmente danneggiata, vanificando ogni tuo sforzo.
La qualità delle immagini e la loro selezione sono quindi decisive, soprattutto quando si presenta un prodotto. Valuta sempre l’intervento di un fotografo professionista: è fondamentale.

Copy

Un testo conciso e incisivo è ciò che devi provare a raggiungere. “Less is more” è la regola, anche se troppo poco non va bene uguale. L’ottimale sarebbe riuscire a fornire tutte le informazioni senza sopraffare il lettore. In linea di principio

  • la copertina anteriore presenta il tuo prodotto o servizio
  • quella posteriore riporta le informazioni di contatto
  • le pagine interne raccontano una storia, la tua storia.

Anche in spazi ridotti come quelli della brochure aziendale, infatti, non si deve mai rinunciare a presentarsi in modo coinvolgente: lo storytelling non si limita ai post social! Infine, sembra banale ma non lo è, controlla sempre la presenza di errori di ortografia e di grammatica. Con i testi non si scherza: contatta i nostri copywriter se ti serve un aiuto!

Font

Anche per i caratteri vale quanto detto sopra per il design: sì alla creatività funzionale, no agli esercizi di stile fini a sé stessi. I caratteri tipografici devono essere leggibili e bene amalgamati rispetto al colore di fondo. In generale si usa un carattere per il corpo di testo e uno, detto complementare, per titoli e intestazioni.

Carta

Hai pensato al layout, al copy e alle immagini, ma non è ancora finita. Resta da scegliere il tipo di carta, da valutare soprattutto in relazione allo scopo. La carta lucida, di spessore maggiore, viene percepita come un valore aggiunto e offre già un’immagine raffinata. La carta patinata mette in risalto i colori vivaci e le immagini di grandi dimensioni. La carta riciclata dice che la tua azienda è attenta alla causa ambientale. In alcuni casi possono essere utili delle plastificazioni per garantire maggiore durata alla brochure.
A questo punto, dopo la revisione finale, puoi procedere con la stampa e successivamente inviare per posta la tua brochure, oppure esporla in luoghi predefiniti per attirare nuovi clienti, distribuirla alle fiere etc

Chiedici una consulenza per realizzare una brochure su misura

Per quanto gli strumenti online per creare una brochure si siano moltiplicati negli ultimi anni, nessuno di questi può sostituire l’intervento di un professionista formato e competente. Soprattutto quando opera in team con altri di diverse specializzazioni.

È proprio quello che avviene da noi in Isola Comunicazione, agenzia creativa a Milano nella quale troverai grafici, web designer, specialisti SEO ed esperti nella scrittura dei contenuti. Competenze diverse messe al servizio di un’unica missione: creare una strategia di comunicazione su misura, nella quale la realizzazione di una brochure aziendale diventi uno strumento performante per raggiungere i tuoi obiettivi.

Se vuoi saperne di più sulla nostra Web Agency e conoscere le persone che la rendono così speciale, dai un’occhiata a Chi Siamo oppure visita il nostro Portfolio. Puoi contattarci senza impegno, ne saremo comunque felici!

Articoli correlati

Cosa vuol dire e come fare branding

Se hai un’attività commerciale e vuoi portarla ai massimi livelli, fare branding è un’azione da non sottovalutare. Infatti, tale processo consiste nel creare un nome e un’immagine unici per la tua azienda, in modo che i consumatori si ricordino sempre di te. In altre parole, fare branding vuol dire trasformare la tua attività imprenditoriale in un marchio riconoscibile.

Scrivere contenuti per il web empatici: una miniguida per scoprire come fare

Tante volte avrai trovato consigli su come scrivere contenuti per il web empatici, accattivanti ed efficaci. Tuttavia, quello che ci piace evidenziare in questa miniguida è la forza persuasiva dell’empatia. Scopri come fare centro cambiando prospettiva e creando una connessione umana, anche sul web.

Sfoglia le categorie di blog

strategie di marketing

web marketing

~

sicurezza informatica

j

copywriting

formazione

w

social

Continua a navigare.