La soluzione di Isola ai clic fraudolenti di Google Ads (ex AdWords)

12 Agosto 2021

i

Categorie: News

I clic fraudolenti stanno diventando un problema serio che spesso compromette la buona riuscita di una campagna Ads. Sempre più competitor, hater e bot cercano in ogni modo di azzerare il tuo budget pubblicitario interagendo con gli annunci con il solo obiettivo di farti pagare per il clic ricevuto.

Ovviamente, queste pratiche sono illegali. Lo stesso Google cerca – con zelo altalenante – di arginare i danni provocati ai suoi inserzionisti. Tuttavia, la sola piattaforma del motore di ricerca non è sufficiente.

Proprio per questo, in Isola abbiamo deciso di dotarci di uno strumento molto più efficace, che permette ai nostri clienti di risparmiare parecchi soldi e a noi di offrire un servizio ancora più completo.

Continua a leggere per scoprire tutto su questa importante novità!

Cosa sono i clic fraudolenti su Google Ads

Un clic fraudolento si verifica ogni volta che un utente accede al tuo sito mediante un annuncio Google Ads senza che sia realmente interessato alla tua offerta, ma solo per arrecarti un danno economico.

Questa pratica è stata registrata per la prima volta nel 1994. Tuttavia, stando alle più recenti statistiche, negli ultimi anni sta diventando sempre più frequente e viene eseguita soprattutto dai competitor. Si tratta quindi di una questione annosa che a lungo andare rischia di compromettere il tuo business.

Infatti, su Google Ads, ogni clic può arrivare a costare anche cifre importanti che fanno la differenza sul budget. Ad esempio, per parole chiave con alta competizione, il CPC (Cost Per Click) raggiunge i 10 o 20€, a volte anche di più. Se i clic fraudolenti iniziano a diventare numerosi:

  • pagherai cifre spropositate al motore di ricerca
  • avrai dubbi sull’efficacia della pubblicità online perché, nonostante le tante visite, il tuo business non decolla
Google Ads stesso è corso ai ripari per ovviare al problema dei clic fraudolenti segnalato a ripetizione dagli utenti più accorti. Oggi, la principale piattaforma pubblicitaria online cerca di intercettare almeno una parte delle interazioni con gli annunci non valide. In altre parole, prova a intuire quelli che potrebbero essere delle azioni scorrette da parte di utenti interessati a danneggiare la tua attività e non te le addebita.
Ad esempio, blocca:
  • i clic manuali con il chiaro intento di aumentare le spese dei proprietari dei siti ospitati dagli annunci
  • i clic provenienti da software illeciti
  • i clic inutili, come quelli troppo ravvicinati nel tempo da parte dello stesso user
La soluzione di Isola ai clic fraudolenti di Google Ads
Tuttavia, non tutti i clic fraudolenti vengono intercettati da Google. Da un lato, perché il motore di ricerca incassa ogni volta che una persona interagisce con un’inserzione, indipendentemente dalla sua buona o cattiva fede. Dall’altro, perché identificarli è veramente difficile e non rientra nei suoi compiti principali.

Servono quindi dei programmi creati apposta per questa funzione.

La soluzione di Isola: sempre un passo avanti

Nella nostra web agency abbiamo recentemente implementato su tutti gli account un sistema a pagamento di alto valore volto a bloccare le 5 principali tipologie di clic fraudolento:
  1. I clic dei competitor, eseguiti per farti esaurire il budget e provare a primeggiare
  2. I clic degli hater, ovvero persone che per varie ragioni non apprezzano il tuo marchio e vogliono danneggiarti
  3. I bot, ossia robot automatizzati il cui obiettivo è rubare soldi
  4. I clic accidentali, che un utente fa senza rendersene conto ma che, se considerati, ti porterebbero a spendere grosse cifre inutilmente
  5. I clic cosiddetti farms, ovvero operazioni su scala industriale che imitano il comportamento umano e, proprio per questo, risultano quasi irriconoscibili

Questa protezione va a migliorare ulteriormente il nostro servizio di gestione Google Ads che da sempre si caratterizza per efficacia e competenza. Inoltre, ci permette di fornire ai nostri clienti un report mensile ancora più completo, in cui indichiamo di volta in volta l’andamento delle campagne e il risparmio effettivo generato dal sistema che può arrivare anche alle centinaia di euro.

Ancora una volta, la nostra agenzia di comunicazione si è impegnata per ottimizzare un’offerta che già poteva contare su un team composto da:

Contattaci per evitare sprechi di budget e aumentare il tuo ritorno sull’investimento!

Articoli correlati

Cosa vuol dire e come fare branding

Se hai un’attività commerciale e vuoi portarla ai massimi livelli, fare branding è un’azione da non sottovalutare. Infatti, tale processo consiste nel creare un nome e un’immagine unici per la tua azienda, in modo che i consumatori si ricordino sempre di te. In altre parole, fare branding vuol dire trasformare la tua attività imprenditoriale in un marchio riconoscibile.

Scrivere contenuti per il web empatici: una miniguida per scoprire come fare

Tante volte avrai trovato consigli su come scrivere contenuti per il web empatici, accattivanti ed efficaci. Tuttavia, quello che ci piace evidenziare in questa miniguida è la forza persuasiva dell’empatia. Scopri come fare centro cambiando prospettiva e creando una connessione umana, anche sul web.

Sfoglia le categorie di blog

strategie di marketing

web marketing

~

sicurezza informatica

j

copywriting

formazione

w

social

Continua a navigare.