I metodi di targeting in Google Ads: come raggiungere il tuo pubblico

27 Agosto 2021

i

Categorie: Web Marketing

Se vuoi raggiungere un pubblico potenzialmente interessato al tuo prodotto o al tuo servizio, il targeting Google Ads è lo strumento che ti può permettere di raggiungerlo. Tuttavia, esistono tantissimi metodi di impostazione del target tra i quali è facile perdersi. Ecco allora la guida di Isola in cui ti spieghiamo:

  • cosa si intende per targeting Google Ads
  • quali sono tutti i metodi possibili per impostarlo
  • alcuni consigli semplici ed efficaci dei nostri esperti

Cosa si intende per targeting Google Ads

Il targeting Google Ads è uno strumento che rende gli annunci pubblicitari online più mirati e, quindi, più performanti. In particolare, attraverso un targeting ben impostato, riesci a raggiungere solo il tuo pubblico di riferimento, ovvero solo quegli utenti che presentano le caratteristiche tipiche del tuo cliente abituale.

Infatti, una corretta creazione di campagne Google Ads deve passare inevitabilmente da una riflessione approfondita sui tuoi buyer personas. Solo identificando aspetti come il range di età, il genere, le abitudini, gli interessi, i luoghi fisici frequentati, ma anche i siti web letti e molti altri, riuscirai a scovarli nell’infinita galassia del web.

I metodi di targeting ti permettono proprio di indirizzare le tue inserzioni solo a determinati utenti, escludendone altri.

Tutti i metodi di targeting Google Ads (ex Adwords)

I metodi di targeting disponibili sono moltissimi e lo stesso Google Ads (ex AdWords) li suddivide in 3 grandi categorie:

  1. Targeting per pubblico
  2. Targeting dei contenuti
  3. Targeting per dispositivo

Di seguito trovi un elenco completo, ma per ulteriori approfondimenti ti rimandiamo alla guida ufficiale Google Ads. Tra l’altro, questa si presenta come un vero “manuale online” ed è uno dei canali attraverso cui cui studiare per ottenere la Certificazione Google Ads.

Tutti i metodi di Targeting di Google Ads

Targeting Google Ads per pubblico

Esistono 6 diversi metodi di targeting per pubblico, ossia che considerano le caratteristiche degli utenti in base ai dati personali che hanno rilasciato o al loro comportamento online:

  1. Dati demografici – Selezioni informazioni come città di residenza, luoghi frequentati, località di interesse, fasce di età o genere.
  2. Affinità – Valuti passioni, hobby o interessi degli utenti.
  3. In-market – I tuoi annunci appaiono solo a chi sta già cercando attivamente servizi o prodotti simili a quelli che offri tu.
  4. Personalizzato per intenzione – Analizzando quali parole vengono digitate nelle ricerche online e i siti visualizzati dagli utenti, scopri qual è il loro search intent (ovvero, con quale intenzione cercano qualcosa sul web). In questo modo puoi comparire in tutte quelle ricerche la cui intenzione, appunto, è l’acquisto di prodotti o servizi simili ai tuoi
  5. Remarketing – Mostri le tue inserzioni alle persone che hanno già visitato il tuo sito o che hanno già interagito con la tua attività nel recente passato. Tuttavia, per quest’ultimo metodo, ti lasciamo il nostro approfondimento sul Remarketing Ads o Retargeting
  6. Segmenti di pubblico simili – Indirizzi la tua pubblicità online anche ad utenti che presentano interessi e caratteristiche correlate ad elenchi specifici che stai già tracciando (per esempio, chi ha visto il tuo sito web o chi ti ha contattato)

Targeting Google Ads dei contenuti

I metodi di targeting dei contenuti tengono in considerazione le tematiche che vengono trattate nei diversi siti su cui è possibile comparire come inserzionista per selezionare solo quelle inerenti alla tua offerta. Nello specifico, sono:

  • Argomenti – Ti permette di comparire in pagine che trattano di temi affini alla tua attività.
  • Posizionamento – Scegli esattamente in quali siti pubblicare i tuoi annunci.
  • Parole chiave dei contenuti – Appari quando un utente digita nella stringa di ricerca di Google le parole chiave che ti interessano. Quindi, se tu hai una pizzeria a Roma e l’utente cerca una pizzeria a Roma, può trovare te come soluzione e – se hai strutturato bene l’annuncio – effettuare una prenotazione. Si tratta del più potente metodo di targeting, perché grazie a questo compari nell’esatto momento in cui l’utente cerca qualcosa che tu sei in grado di fornirgli. D’altronde, proprio le parole chiave sono ciò che ha permesso al motore di ricerca di costruire tutto il suo successo nel corso degli anni.
  • Espansione alla rete display per la ricerca – In questo modo, sfrutti il budget rimasto inutilizzato nella rete di ricerca per comparire sulla rete display in momenti che Google giudica propizi per farti ottenere dei risultati.

Targeting Google Ads per dispositivo

Infine, i metodi di targeting per dispositivo considerano i device di visualizzazione, e sono:

  1. Computer – Indirizzi la tua pubblicità solo a chi si collega tramite un desktop da minimo 7 pollici.
  2. Dispositivi mobili – Il tuo target sarà l’utente connesso da smartphone.
  3. Tablet – In questo caso, chi accede ad Internet da un tablet potrà visualizzare i tuoi annunci.
  4. Schermi TV – Disponibile solo per le campagne video, questo metodo di targeting ti fa apparire sulle smart TV ed è molto utile ad esempio per le pubblicità su YouTube

Come avrai notato, i metodi disponibili sono numerosi e in continuo aggiornamento, proprio perché Google Ads vuole darti il maggior numero di possibilità di ottenere clienti interessati. Scendendo nel concreto, se sei una concessionaria di automobili, potrai decidere di non mostrare le tue inserzioni ha chi ha meno di 18 anni proprio perché è estremamente raro che un minorenne possa comprare una macchina da te.

Quindi, devi pensare al targeting come a una sorta di partita a “Indovina Chi” tra te e il motore di ricerca: ogni metodo permette a Google di scartare gli utenti che non ti interessano, lasciando in piedi solo user che sono simili ai tuoi buyer personas.

Come sempre, la teoria può essere più complicata della pratica: vediamo allora qualche consiglio direttamente dai nostri esperti!

I consigli di Isola per un targeting Google Ads semplice ma efficace

Prima di scendere nel dettaglio con i consigli di Isola, è necessario un disclaimer: è impossibile dire quale sia il targeting Google Ads corretto a priori. Ogni campagna di digital advertising è a sé e deve essere ragionata sulla base dei propri personali obiettivi. Non solo: sono necessari anche molti test per arrivare all’ottimizzazione migliore.

Scopriamo adesso cosa dice il team della nostra web agency in merito a:

  • la rete di ricerca
  • la rete display

Targeting Google Ads per la rete di ricerca

Circa il targeting per gli annunci rete di ricerca (ossia, quelli che compaiono sulla pagina dei risultati di Google quando l’utente cerca qualcosa online), Isola ti consiglia di impostare almeno 4 metodi che si dimostrano quasi sempre validi:

  1. Dati demografici, soprattutto età e genere;
  2. Dati geografici, ovvero dove si trova la persona, dove è interessata ad andare e dove è stata nel recente passato;
  3. Parola chiave, che poi è ciò che ha permesso a Google di avere successo: sceglila con attenzione e analizza bene il search intent per non rischiare sprechi di budget intercettando utenti che non sono utili al tuo business;
  4. Orari in cui far apparire i tuoi annunci online

Targeting Google Ads per la rete display

Invece, per il targeting sulla rete display (quindi, tutte quelle inserzioni che appaiono durante una normale navigazione online e non a seguito di una ricerca su Google), i nostri professionisti in linea generale valutano come performanti:

  • Parole chiave, perché, come abbiamo visto poche righe più in alto, attraverso queste riusciamo a capire di che cosa ha bisogno l’utente e a proporci come possibile soluzione;
  • Argomento, per apparire nei luoghi in cui si concentrano gli utenti più interessanti per te;
  • Posizionamento, per scegliere tu stesso i portali su cui vuoi avere un’inserzione;
  • Elenco personalizzato per intenzione, così da essere presente in tutte le ricerche non direttamente collegate alla tua azienda, ma comunque affini.

In definitiva, selezionare il corretto target è al contempo indispensabile e difficile e il rischio è quello di immettersi in un’attività economicamente molto dispendiosa come il digital advertising sul motore di ricerca senza trarne profitto. Leggi a proposito il nostro articolo su quanto può costare Google Ads!

Se vuoi ottimizzare il tuo investimento, la scelta migliore è approfittare della nostra agency di web marketing per i servizi di gestione Google Ads e di creazione di pubblicità online. Così facendo avrai a disposizione una squadra altamente specializzata e un’intera agenzia di comunicazione che lavorerà in gruppo per permetterti di raggiungere i tuoi traguardi mettendo in pratica tutte le attività strettamente correlate alla buona riuscita del progetto. Ad esempio:

Contattaci adesso e troviamo insieme il modo di comparire solo ai tuoi buyer personas sulla rete!

Articoli correlati

Cosa vuol dire e come fare branding

Se hai un’attività commerciale e vuoi portarla ai massimi livelli, fare branding è un’azione da non sottovalutare. Infatti, tale processo consiste nel creare un nome e un’immagine unici per la tua azienda, in modo che i consumatori si ricordino sempre di te. In altre parole, fare branding vuol dire trasformare la tua attività imprenditoriale in un marchio riconoscibile.

Scrivere contenuti per il web empatici: una miniguida per scoprire come fare

Tante volte avrai trovato consigli su come scrivere contenuti per il web empatici, accattivanti ed efficaci. Tuttavia, quello che ci piace evidenziare in questa miniguida è la forza persuasiva dell’empatia. Scopri come fare centro cambiando prospettiva e creando una connessione umana, anche sul web.

Sfoglia le categorie di blog

strategie di marketing

web marketing

~

sicurezza informatica

j

copywriting

formazione

w

social

Continua a navigare.